PRESTAZIONE INTEGRAZIONE PREPENSIONAMENTO

A partire dal 1° ottobre 2020 è possibile inviare le domande per la richiesta della Prestazione Intregrazione Prepensionamento.

La prestazione si sostanzia, a seconda della scelta del Lavoratore beneficiario, in:

  1. 12 mesi di integrazione al reddito + 12 mesi di contribuzione volontaria, da considerarsi contestuali;
  2. 24 mesi di contribuzione volontaria, nell’ipotesi che tali mesi consentano la maturazione del requisito pensionistico;
  3. 18 mesi di integrazione al reddito, nell’ipotesi che, al netto della Naspi, tali mesi consentano il raggiungimento del requisito anagrafico per la pensione di vecchia.

La prestazione è rivolta ai Lavoratori (Operai) prossimi a:

  • Pensione di vecchiaia;
  • Pensione anticipata;
  • Pensione anticipata precoci;
  • Pensione di anzianità per lavori usuranti;
  • Quota 100 (laddove prorogata);
  • APE sociale (laddove prorogata)

che si trovino in una delle seguenti ipotesi:

  • Fine del contratto a tempo determinato;
  • Stipulazione di un accordo collettivo nell’ambito di una procedura ex artt. 4 e 24 L. n. 223/91, seguito da apposto atto transattivo, limitato al solo impegno del lavoratore a non impugnare il licenziamento;
  • Stipulazione di un accordo individuale in relazione a un licenziamento per G.M.O. con i lavoratori interessati, seguito da apposito atto transattivo, anche limitato al solo impegno del lavoratore del lavoratore a non impugnare il licenziamento;
  • Risoluzione consensuale del rapporto di lavoro che dia accesso alla Naspi ai sensi dell’art. 1, comma 40, L. n. 92/2012.

Per consultare il regolamento completo, i requisiti di spettanza e le modalità di erogazione, cliccare sul seguente Link.