EMERGENZA COVID-19: AGGIORNAMENTI SISTEMA EDILE

PROROGA VALIDITA’ DURC

Si comunica il DURC, di cui al DM 30 gennaio 2015, rientra tra le prestazioni di cui all’art. 103 del DL n. 18/2020, c.d. Cura Italia, che prevede, al co. 2, che “tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020”. Questo quanto chiarito dall’Ufficio Legislativo del Ministero del Lavoro a seguito di un espresso quesito posto dall’Inps.

Pertanto, i documenti attestanti la regolarità contributiva denominata Durc On Line che riportano nel campo “Scadenza Validità” una data compresa tra il 31 gennaio 2020 e il 15 aprile 2020 conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020 come previsto dall’articolo 103, comma 2, del decreto- legge 17 marzo 2020, n.18.

DISPOSIZIONI A FAVORE DELLE IMPRESE

  1. E’ disposta la proroga dei versamenti, fermo restando il permanere dell’obbligo di adempiere alle altre disposizioni dettate dalle norme contrattuali, previsti a carico delle imprese verso le Casse Edili/Edilcasse per il periodo di competenza febbraio (pagamento 31 marzo) e marzo (pagamento 30 aprile) 2020, alla data del 31 maggio 2020; lo stesso avverrà per le rateizzazioni in essere. Detta sospensione non sarà considerata per la regolarità in Cassa Edile ai fini del Durc. I versamenti sospesi potranno anche essere rateizzati, senza sanzioni né interessi, per un massimo di 4 rate;
  2. In caso di sospensione del lavoro a causa di Covid 19, l’impresa è tenuta a far ricorso agli strumenti di integrazione al reddito dei lavoratori sospesi secondo quanto previsto dall’apposita normativa. La comunicazione preventiva ai fini della cigo COVID 19 sarà unica e verrà inviata alle organizzazioni sindacali provinciali per unità produttive che insistono sulla singola provincia, alle regionali per unità produttive che insistono su più provincie e alle nazionali per unità produttive che insistono su più Regioni;
  3. A partire dal mese di marzo 2020, le richieste di rimborso malattia e carenza malattia dovranno essere accompagnate, a pena di decadenza della richiesta, dal relativo certificato medico, dalla copia delle relative buste paga e del bonifico effettuato al lavoratore.

DISPOSIZIONE A FAVORE DEGLI OPERAI ISCRITTI

  1. La Cassa Edile provvederà ad anticipare agli Operai il pagamento del trattamento economico accantonato per ferie tra ottobre e dicembre (cartella di luglio 2020) e comunque entro il 30 aprile p.v.; l’erogazione dell’importo spettante avviene in favore dei lavoratori per i quali il datore di lavoro ha provveduto all’accantonamento degli importi dovuti presso la Cassa Edile, nel periodo 1° ottobre 2019 – 31 Dicembre 2019 anche per effetto delle eventuali rateizzazioni. In caso di accantonamento parziale, all’ interno del periodo di cui sopra, verrà erogato l’importo effettivamente accantonato. Salvo eventuali ulteriori proroghe, Il conguaglio di eventuali somme residue accantonate (e gli accantonamenti di febbraio e marzo) avverrà con le consuete modalità;
  2. al fine di sostenere i lavoratori in questa difficile fase economica saranno anticipati i tempi previsti per l’erogazione dell’anzianità professionale edile maturata a far data dal 1° aprile 2020.

SOSPENSIONE ATTIVITA’ NEI CANTIERI EDILI

La Regione Piemonte nella giornata odierna ha emanato il 21 marzo scorso il Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 34  che prevede 32 ulteriori misure di contenimento a valere su tutto il territorio regionale dal 22 marzo al 03 aprile prossimo.
Il decreto, che si riporta di seguito,  dispone al punto 20 la sospensione delle attività dei cantieri, previa concessione del termine per la messa in sicurezza, fatti salvi quelli relativi alla realizzazione e manutenzione di strutture sanitarie e di protezione civile, alla manutenzione della rete stradale, autostradale e ferroviaria, del trasporto pubblico locale, nonchè quelli relativi alla realizzazione, manutenzione e funzionamento degli altri servizi essenziali o per motivi di urgenza o sicurezza

Decreto_21marzo_Regione_Piemonte

PROTOCOLLI DI SICUREZZA PER IL CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DEL VIRUS

Vi informiamo che è stato condiviso dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con ANAS S.p.A., Rete Ferroviaria Italiana, Ance, Feneal-UIL, Filca-CISL e Fillea-CGIL nelle giornate del 19 e 20 marzo un Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nei cantieri edili.
In modo specifico sono state dettagliate le seguenti misure: informazione, modalità di accesso dei fornitori interni ai cantieri, pulizia e sanificazione all’interno del cantiere, precauzioni igieniche personali dei lavoratori, dispositivi di protezione individuali da adottare, gestione degli spazi comune, contingentamento degli ingressi (mense, spogliatoi, uffici), sorveglianza sanitaria, medico competente, RLS – RLST.

Linea_guida_Ministero_infrastrutture

Vademecum_cantieri_Covid_19

CHECK-LIST MISURE DI CONTENIMENTO E PREVENZIONE COVID-19

E’ stata predisposta una check-list per la consulenza e l’assistenza alle imprese ed ai lavoratori in occasione delle misure di prevenzione per la diffusione del virus nei luoghi di lavoro ed in particolare in edilizia.
La check-list è stata elaborata, alla luce delle indicazioni contenute nel Protocollo condiviso per il settore edile del 24 marzo u.s., per sistematizzare il controllo delle misure di contenimento e di prevenzione adottate nei cantieri rimasti aperti in conseguenza del DM-MiSE del 25 marzo 2020, che ha aggiornato l’allegato al DPCM del 22 marzo 2020.

CHECK-LIST_Covid 19

FORMAZIONE DEI LAVORATORI DURANTE L’EMERGENZA COVID-19

Per quanto riguarda l’attività di formazione / aggiornamento in materia di sicurezza il protocollo al punto 10 prevede che il mancato completamento dell’aggiornamento della formazione professionale e/o abilitante entro i termini previsti per tutti i ruoli/funzioni aziendali in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro dovuto  alla sospensione delle attività di formazione in aula (possono essere svolti corsi di formazione / aggiornamento solamente con modalità a distanza) a causa dell’emergenza in corso e quindi per causa di forza maggiore, non comporta l’impossibilità a continuare lo svolgimento dello specifico ruolo/funzione (a titolo esemplificativo: l’addetto all’emergenza, sia antincendio, sia primo soccorso, può continuare ad intervenire in caso di necessità; il carrellista può continuare ad operare come carrellista)

Protocollo_misure_emergenza_COVID_19

Si ricorda alle imprese che i corsi di formazione / aggiornamento che ad oggi possono essere svolti interamente a distanza sono:
FORMAZIONE BASE LAVORATORE RISCHIO BASSO
FORMAZIONE DIRIGENTE
AGGIORNAMENTO LAVORATORE
AGGIORNAMENTO PREPOSTO
AGGIORNAMENTO DIRIGENTE
AGGIORNAMENTO ADDETTO E RESPONSABILE AMIANTO
AGGIORNAMENTO RSPP DATORE DI LAVORO